Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85 - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 31621 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Libro autografato, Prima edizione

André BRETON "André Derain" : poème autographe de jeunesse en hommage à Derain « Ah ! plus ce brouillard tendre »

André BRETON

"André Derain" : poème autographe de jeunesse en hommage à Derain « Ah ! plus ce brouillard tendre »

circa 1917-1918, 22,3x27,6, une feuille sous chemise et étui.


Il famoso poema giovanile autografo di André Breton, intitolato "André Derain", [] in inchiostro nero su carta vergata, composto nel marzo 1917. Il nostro manoscritto è stato scritto tra il marzo 1917 e l'inizio del 1918.
Un poema essenziale del periodo pre-dadaista dell'autore, fa parte di un insieme coerente di sette poesie manoscritte di Breton (chiamate Coll.X. in André Breton's Complete Works , Volume I di La Biblioteca delle Pleiadi, Gallimard, 1988, 1071). Queste poesie, dalla sua scrittura giovanile, sono accuratamente calligrafate con inchiostro nero su carta vergata e filigranata. Questo set è stato inviato alla sua cerchia di amici e scrittori, tra cui Valery, Apollinaire, Theodore Fraenkel e suo fratello André Paris. In seguito fu pubblicato nella sua prima raccolta, Mont de Piété , che apparve nel giugno del 1919 alla casa editrice Au sans Pareil, appena fondata dal suo amico Rene Hilsum.
La datazione esatta di questo insieme di poesie autografe è determinata dalla scrittura dell'ultimo poema della raccolta ("André Derain"), composto il 24 marzo 1917, che offre un termine post quem assoluto. Inoltre, una versione precedente del poema "Age", dedicato a Leon-Paul Fargue, appare nella nostra collezione con il suo nome originale "Poème". Datato dall'autore del 19 febbraio 1916 - il giorno dei suoi venti anni - e creato 10 giorni prima secondo la sua corrispondenza, fu rinominato e rielaborato solo per la sua pubblicazione nel luglio 1918 in Le tre rose . Con ogni probabilità prima della pubblicazione di quest'ultimo poema, le sette poesie autografe, furono probabilmente scritte durante il 1917 o l'inizio del 1918, mentre Breton continua il suo internato alla Val-de-Grace e fa l'incontro decisivo di Louis Aragona.
Le poesie che costituiranno il Monte della Pietà rappresentano una testimonianza rara e preziosa delle sue influenze giovanili, all'alba della sua adesione al movimento Dada e alla sua scoperta della scrittura automatica. Abbastanza breve e talvolta sibillina, possiamo vedere accenti simbolici presi in prestito da Mallarmé, che riscopre durante le mattinate poetiche al teatro Antoine, al Vieux-Colombier, in compagnia del suo compagno di classe liceale Théodore Fraenkel. Durante il primo mese di guerra, Breton si dedicò anche a Rimbaud e si immerse in The Illuminations, l' unica opera portata via nella confusione e nella fretta che seguivano la dichiarazione di guerra. Dalle sue letture rimbaldiane arrivarono le poesie "December", "Age" e "André Derain", mentre prese in prestito da Apollinaire la sua musa Marie Laurencin a cui dedica "The Sweet Year". Inoltre, l'eredità poetica dell'autore sarà particolarmente segnata dalla figura di Paul Valéry, con il quale entra in corrispondenza nel 1914. Valery gioca nella scrittura dei poemi del Mont de Piété un ruolo considerevole per l'attenzione e il consiglio che elargisce al giovane poeta. Ammirando l'audacia del suo discepolo, che ha affrontato ciascuna delle sue poesie, apprezza il poema "Facon" (1916) in questi termini: " Tema, lingua, obiettivo, metrica, tutto è nuovo, modalità futura, modo " ( Lettera del giugno 1916, Opere complete di André Breton , Volume I di The Library of the Pléiade, Gallimard, 1988, p.
Questi gioielli essenziali della gioventù di Breton erano composti tra il diciassettesimo e il ventitreesimo anno. Sorpreso a Lorient dalla dichiarazione di guerra, divenne infermiera militare, quindi officiato in diversi ospedali e sul fronte durante l'offensiva della Mosa. Ha fatto conoscere al Nantes Jacques Vaché, che lo ha ispirato con un progetto di scrittura collettiva, così come l'illustrazione della futura collezione Mont de Piété , finalmente realizzata da André Derain. La frequentazione di questo "dandy rivoltato contro l'arte e la guerra", che condivide la sua ammirazione per Jarry, e il contatto dei lunatici del centro neuro-psichiatrico di Saint-Dizier segnano un passo decisivo nella genesi del surrealismo. Assegnato alla Val-de-Grâce dal 1917, Breton trova a Parigi l'effervescenza letteraria necessaria per la sua ricerca poetica e recita Rimbaud in compagnia di Aragon. Fu attraverso Apollinaire che divenne amico di Soupault, futuro coautore dei Magnetic Fields , e Reverdy, fondatore della rivista Nord-Sud , che pubblicherà poesie del Mont de Piété . Le sette poesie della collezione verranno successivamente pubblicate su riviste letterarie d'avanguardia ( The Three Roses , Solstices, North-South ) tra il 1917 e l'inizio dell'anno 1919.
Quattro delle sette poesie sono dedicate ai maestri e agli amici dell'autore: Léon-Paul Fargue, e in particolare Apollinaire, a cui Breton aveva dedicato uno studio nel Fan . L'autrice rende omaggio anche a Marie Laurencin e André Derain, creatori di "opere plastiche ancora nuove di zecca, di fronte a un decreto e intolleranza quasi unanime", caro a Breton per tutta la sua vita ( XX secolo , n. 3, giugno 1952). Si moltiplica con queste dediche incrociate allusioni, dedicando a una una poesia ispirata dall'altra, l'esempio di "Dicembre", dedicato ad Apollinaire, che riecheggia Rimbaud e la sua poesia "Dawn" ( The Illuminations, 1895).


Un raro manoscritto risalente alla gioventù simbolista di André Breton, quindi "al punto di fusione intellettuale [...] quando Rimbaud, Mallarmé, inconciliabile, sono bloccati in un poeta" (Paul Valéry, lettera del gennaio 1916, Opere complete André Breton , volume I di The Library of the Pléiade, Gallimard, 1988, 1068).
 

4 800 €

Réf : 64265

ordinare

prenotare


  Aiuto on-line