Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85 - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
   Includere libri di seconda mano
+ più criteri

Cerca tra 28777 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Prima edizione

Robert ANTELME L'espèce humaine

Robert ANTELME

L'espèce humaine

La cité universelle, Paris 1947, 14,5x18,5cm, relié.


Edizione per il quale non è stato redatto carta di grandi dimensioni, copia con una buona copertura.
Associazione a bradel mezzo marocco vecchio rossa, liscia indietro, quando la coda, e contreplats guardie allineate lucido, coperture e schienali conservati, testa dorata, firmato vincolante Goy P. & C. Vilaine.


"Non c'è nessuna specie umana, non vi è una specie umana. Questo perché siamo uomini come loro che le SS in ultima analisi, impotenti davanti a noi.".

Questo lavoro fondamentale sull'esperienza di nazisti campi era la terza e ultima pubblicazione della casa editrice effimera fondata da Marguerite Duras e Robert Antelme, il marito 1940-1946.
Inosservato in questa prima versione confidenziale, solo poche copie sono state vendute, è stato messo in vendita l'anno successivo sotto nuove coperture da Robert Marin, il libro soffre la concorrenza dei tanti scritti sull'argomento sono apparsi subito dopo la guerra. Eppure, come riferito da F. Lebelley "in un momento in cui le storie abbondano, il potere speciale di quel libro, una prima sobrietà, sconvolge come scrittore fondazione libro di testo che ha anche preso riconosce Duras. , "l'ampia letteratura." Robert Antelme mai scrivere altro. Nonostante i riconoscimenti e onori, la specie umana sarà solo il lavoro di una vita. " (In Duras, o il peso di una piuma.)
Grazie all'intervento di Albert Camus, il libro riappare dieci anni più tardi nel 1957 da Gallimard e poi sa una più ampia diffusione.
Pertanto, questo libro è parte della storia della letteratura come uno degli scritti più importanti per la riflessione dolorosa ma necessaria sui campi di concentramento e la condizione umana. E 'dopo di lui che scrittori come Jorge Semprun suo amico inizieranno un nuovo approccio alla scrittura dei campi impossibili.
Nel 1947 Antelme ha annunciato nella sua prefazione "solo tornando, abbiamo ridotto la nostra memoria con noi, la nostra esperienza di vita insieme e ci siamo sentiti un frenetico desiderio di raccontare così com'è. E nei primi giorni, però, sembrava impossibile colmare la distanza che abbiamo trovato tra linguaggio e abbiamo avuto questa esperienza [...] Come rassegnarsi a non cercare di spiegare come avevamo venire qui? eppure eravamo lì. Eppure era impossibile. Basta iniziare a dirci che eravamo soffocante. Per noi stessi, quello che avevamo da dire, allora abbiamo cominciato a sembrare inimmaginabile. "

Raro ed importante problema, assente dalla maggior parte delle biblioteche nazionali e internazionali, tra cui il BNF.

Bibliographie lacunaire des éditions La Cité universelle
Article Robert Antelme In Larousse.fr
Ecrire et philosopher après Auschwitz : Blanchot lecteur de Antelme
Lire notre article dans la Gazette d'Edition-Originale

VENDUTO

Réf : 56311

Registrare una notifica automatica


  Aiuto on-line