Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 29911 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Libro autografato, Prima edizione

Maurice BLANCHOT Correspondance complète de Maurice Blanchot avec sa mère, sa soeur Marguerite, son frère René et sa nièce Annick.

Maurice BLANCHOT

Correspondance complète de Maurice Blanchot avec sa mère, sa soeur Marguerite, son frère René et sa nièce Annick.

S.n., s.l. s.d. (1940-1991), Formats divers, ensemble constitué d'environ 1000 lettres complètes et 400 lettres amputées.


eccezionale collezione di più di 1000 lettere firmato autografi Maurice Blanchot, rivolto principalmente a sua madre Maria, la sorella e la nipote Margherita Annick e alcune lettere al fratello René e sua sorella Anna. Uniamo più di 400 lettere alla stessa parte corrispondente ma mutilati, dalla famiglia, passaggi troppo intimi. Questo set è stato tenuto da Marguerite Blanchot con i libri autografati suo fratello e il suo primo romanzo e la critica dai manoscritti Maurice Blanchot.
Questa corrispondenza completa e unica, finora completamente nuovo e sconosciuto a bibliografi, copre il periodo 1940-1994.
La prima, più di 230, scritto tra il 1940 e il 1958 - data della morte di Marie Blanchot - indirizzata a sua madre e la sorella vivono insieme nella casa di famiglia di Quain.
Poi, dal 1958 fino al 1991, quasi 700 lettere a Marguerite sono completi e molti di più sono mutilati.
Nel 1970, 8 lettere al fratello René e sua sorella Anna in cui verrà quindi installare, sono anche state mantenute da Margaret.
Infine, una serie di 22 lettere e completare molti altri amputati, scritto nel 1962, sono indirizzati alla nipote Annick e suo figlio Filippo, nipote di Giorgio, il secondo fratello Maurice.
Se l'affetto intenso Blanchot per la madre e la sorella riflette nella firma di essa, non sappiamo quasi nulla della loro relazione. Nell'unico saggio biografico su Blanchot Christophe Bident rivela però: "Margaret adorato suo fratello Maurice Blanchot. Molto orgoglioso di lui, [...] che attribuisce grande importanza alle sue idee politiche [...]. Ha letto un sacco [...] Hanno telefonato corrisposto. distanza, hanno condiviso la stessa autorità naturale, la stessa preoccupazione per la discrezione. "Blanchot effetto a lui indirizzata molti libri della sua biblioteca, ora con esso un legame intellettuale continuo.
Le numerose lettere di sua sorella Maurice rivelano una complicità intellettuale e la fiducia che lo scrittore concederà quasi ogni altra mano.
mano biografico, che domina la composizione di ogni lettera rivela il mondo privato, sconosciuta fino ad oggi, il più segreto degli scrittori. In effetti, il fratello si rivela eloquente con la sorella e la madre che l'intellettuale è discreta con gli altri. Anche i suoi amici più stretti sono stati in grado di indovinare i principali problemi di salute che Blanchot ha dovuto affrontare nel corso della sua vita e che sono esposti in dettaglio.
Tuttavia, questi sono intime sui retroscena di scrittura di questa corrispondenza, che ha anche la funzione di condividere la notizia della intellettuale, politica e sociale Maurice Blanchot per questo decifra sorella che hanno sacrificato la loro indipendenza e la madre il riconoscimento artistico che questo rinomato organista potrebbe pretendere.
Così, anni di occupazione durante la guerra d'Algeria, maggio 68 per l'elezione di Mitterrand, Blanchot tradotti per la sorella e della madre mondo intenso e complesso di notizie, il loro condiviso le sue osservazioni oggettive come le sue affinità intellettuali e giustifica con loro le sue posizioni e gli impegni.
La testimonianza nuda e cruda e senza questa postura imposta dal suo status intellettuale, Blanchot corrispondenza con la sua famiglia ha anche un'altra caratteristica unica: è probabilmente l'unico registrare per iscritto la sensibilità profonda di quel che sappiamo solo la estrema intelligenza. Ciò a causa del cuore e rivela una Mauritius meravigliosamente benevolo verso le credenze religiose di sua sorella e madre. Ed è vergognoso che il fratello scandisce le sue lettere segni espliciti del intenso affetto che prova per ancora queste due donne così diverse da quelle che sono sua cerchia intellettuale.
Questa preziosa collezione copre il periodo dal 1940 alla morte di Marguerite nel 1993. Non v'è quasi alcuna traccia di corrispondenza risalente prima di quel momento, tranne una lettera al suo patrono nel 1927, da indurre a sospettare che avrebbe è stato distrutto, forse per volere di Blanchot se stesso.
Tra le lettere a sua madre e la sorella, abbiamo trovato alcuni grandi temi ricorrenti.
lettere di guerra in cui Blanchot è sia figlio intellettuale rassicurante e lucida:
"E 'avvicinando la morte e che mi rende immune al più piccolo freddo dell'esistenza? "
"Non c'è ragione di disperare. "Nel peggiore dei casi, ha detto," ci sarà riorganizzarsi sulla nostra terra. Troveremo una piccola isola dove vive modestamente e seriamente "; "La politica non sta andando forte. La storia della Finlandia mi preoccupa. "
"Alla repressione successo rappresaglia [...] Questo andrà di male in peggio. "
Altre notizie personali che racconta la sua partecipazione e suoi guai con le riviste:
- In toccando il suo amico Paul Lévy, che racconta la fuga per la zona franca,
- Il giornale di dibattiti e sconvolgimenti politici che modifica,
- Giovane è dimesso dalla Francia ritorno di Laval


- coinvolgimento nella sopravvivenza della Nrf e la politica di esso in questi tempi difficili.
"E 'assolutamente certo che non ci sarà nessuna opinione in una parola, da vicino o da lontano, la chiave per la politica, e che saremo protetti da qualsiasi" influenza esterna". Al primo [ombra?] Ciò suggerisce che queste condizioni non sono soddisfatte, sto andando. "
Una lettera sorprendente il tragico episodio che diventerà l'oggetto del suo ultimo racconto, Il momento della mia morte "Ho detto che per deformazione e amplificati trasmissioni, ora ci sono nei circoli letterari una versione finale sugli eventi del 29 giugno, in base al quale sono stato salvato dai russi! E 'davvero divertente [...] ha portato ad un altro ho potuto ricostruire la sequenza degli eventi. " Racconta poi ad un certo loro lunghezza a sua madre e sua sorella, e alcuni dettagli, c'è la storia contenuta nel Immediata la mia morte. "Qui [...] tasso di come la verità è capovolto. ... In ogni caso è certamente bene o forse in una forma più stravagante nostri futuri biografi raccontano questi tristi eventi. "
Questo straordinario lettera fa luce su eventi enigmatici che sa comunque che sotto la sua forma romanzata. Alla base della fiction ... c'è un'altra finzione!
Lettere di liberazione attraverso la quale Blanchot particolare esprime la sua preoccupazione per la sorte di Emmanuel Levinas:
"Il suo campo fu liberato, ma se stesso (a ciò che uno dei suoi camardes ha detto sua moglie) ha rifiutato di partecipare ai lavori ... era stato mandato ad un campo di ufficiali refrattari. Si teme che sia successo "qualcosa" sulla strada (e che il 20 marzo). [...] il destino impenetrabile. "
Ha ricordato anche le figure intellettuali importante emergenti, gli amici o no:
Sartre: "C'è troppa distanza tra la nostra mente. "
Char: "Uno dei più grandi poeti francesi di oggi, e forse la più grande con Eluard. "
Ponge che gli chiede "uno studio di apparire in una serie sulla letteratura di domani."
E Thomas Mann, la cui morte nel 1955 lo ha colpito personalmente: "E 'stato come un vecchio amico. "
Osservatore della politica, egli mostra un interesse benevolo ma già sospetto in generale de Gaulle. "Come l'uomo è davvero un enigma. È certo che solo il bene pubblico, anime, ma allo stesso tempo, rimane così estraneo alla realtà, in modo da esseri lontani, così poco per la politica che ci si chiede come questa impresa potrebbe riuscire. [...] Quando vedremo, parla praticamente nessun, ma l'ascolto di un prodigiosamente annoiato. [...] E 'ancora in ottimi rapporti con Malraux che svolge un ruolo enorme in questo. In ogni caso, i parlamentari vivono nella paura di questo grande ombra. "
Ma la sua visione del futuro del Paese resta grave: "La Francia non è più un piccolo paese nelle circostanze, essere un vassallo di uno o l'altro. Infine, non può essere e sono stati. "Tuttavia, sarà attenta al destino del ministero Mendes-France, che anticipa la caduta quando scrive:" Probabilmente sarà domani morto, ucciso dal risentimento, gelosia e l'odio dei suoi amici come i suoi nemici. "
la corrispondenza del dopoguerra.
L'anno 1949 ha segnato un punto di svolta: "Per completare quello che ho iniziato, ho bisogno di ritirarsi in me stessa documentazione libresca è solo utile se è passato da il silenzio e la solitudine ancora. "Riflessione Seguito a lungo sul suo rapporto con la scrittura e per il mondo:" Io so che la vita è piena di dolore ed è, in un certo senso, impossibile da accogliere e accettare il requisito di cui ... un vecchio solitudine è il tratto che ha determinato la mia vita potrebbe essere d'accordo con questo lato oscuro, scuro in ogni caso, che ci ha lasciato il caro padre. "
"La mia situazione è che sono troppo filosofo per la letteratura e troppo letterario per i filosofi. "
"Sono profondamente contrario a ogni forma di attenzione allo sviluppo e alla fama letteraria - non solo per ragioni morali, ma perché uno scrittore che si preoccupa che non ha alcun rapporto profondo con letteratura, come l'arte, la dichiarazione profondamente anonimo. "
impegno intellettuale sull'Algeria.
"Quali persone egoiste e stupido pietose dell'Algeria. "(17 maggio 1958)" E in là l'intervento del Generale completa la confusione. "
Dopo l'ultimatum emesso dai congiurati di Algeri il 29: "La mia rabbia è profonda, e io non facilmente accettare che dobbiamo mentori legionari che sono anche, in molti casi, torturatori"
"14 luglio non è destinato a continuare a comparire - è piuttosto una bottiglia in mare, una bottiglia di inchiostro, ovviamente! "
"Per quanto riguarda il nostro destino personale, non dovrebbe essere troppo da preoccuparsi. Nei momenti in cui la storia toggle è anche quello che è esilarante: non dobbiamo più pensare a noi stessi. "
"Questa storia in cui l'Algeria sono in esecuzione tante giovani vite e dove corrotti tante menti è ferita praticamente incurabile. Anche se difficile sapere dove stiamo andando. "
"E 'strano che tale esigenza di responsabilità collettiva [Manifesto dei 121] fa ci si abbandona, le tue abitudini e tranquillità in pieno la necessità di silenzio. "
impegno fisico Maggio 68.
"Ho chiesto loro di inviare un telegramma a Castro:". Il compagno Castro, non scavare la fossa " "
"E vi assicuro - perché ci sono stati molte volte - non è divertente combattere con migliaia e migliaia di poliziotti rampaging ...: ci vuole un enorme coraggio, immenso altruismo. Da lì è un patto che può rompersi. "
"Dal momento che l'inizio di maggio, io appartengo a giorno e notte gli eventi, ben al di là di tutto la fatica e oggi dove repressione della polizia sui miei compagni, francesi e stranieri (non faccio loro in differenza), cerco di coprire la mia debolezza, l'autorità molto debole e, in ogni caso, essere con loro in gara. "
"Cohn-Bendit (il cui padre è il resto francesi, i suoi genitori fuggiti persecuzione nazista nel 1933), come un Ebreo tedesco, Ebreo è due volte, e questo è ciò che gli studenti nella loro profonda generosità, hanno capito. "
"Questo è quello che volevo dire in ogni condizione in modo che qualunque cosa accada, ti ricordi di me senza problemi. Il futuro è molto incerto. La repressione accelererà. Poco male, abbiamo già apparteniamo alla notte. "
"Siamo deboli e lo stato è onnipotente, ma l'istinto di giustizia, l'esigenza di libertà sono troppo forte. Comunque, è un buon modo per porre fine alla sua vita. "
Gli anni 1970, 1980 e 1990, segnati da dure prove, sono impregnate di un pessimismo crescente. "Il futuro sarà difficile per entrambi [suo nipote] perché la civiltà è in crisi, e nessuno può essere così presuntuoso prevedere cosa accadrà. Amor Fati, gli stoici e Nietzsche ha detto: come quello che è per noi. "
"Sono solo in tristezza e l'ansia sfortuna di tutto, l'ingiustizia è ovunque, la mia sensazione responsabile perché siamo responsabili per gli altri, essendo sempre più diverso da noi. "
Con ancora una grande preoccupazione per la politica internazionale ... "Ognuno è contro Israele, povere persone condannate alla sventura. Sono sconvolto. "" La sua sopravvivenza è in valore, la sua passione, la sua abitudine di sventura, compagna della sua lunga storia. "
"Come se mi preoccupa Israele. Io non giudico gli arabi; come tutte le persone, che hanno il proprio set di qualità e difetti. Ma io vivo nel senso angoscioso di pericolo che minaccia Israele, la sua esclusione, solitudine, là, là, un gioco, si sentono ancora una volta come un ghetto tutti rifiuta il fatto ad un popolo nato della sofferenza, per sentire troppo, mai accettato, mai riconosciuto, è insopportabile. "
... o nazionale "Mitterrand rimane ai miei occhi il miglior presidente potremmo avere: coltivato, che parla poco, meditare, soviet odiano. "
Ma è probabilmente la maggior parte delle lettere personali in cui mostra il suo amore e la complicità profonda con corrispondenti che rivelano la personalità più interessante e più segreto di Maurice Blanchot. Di fronte alle tragedie della vita, figlio, fratello o zio esprime il suo amore ed empatia profonda, lontano da inerme prosaico e banale sono l'uomo naturale difesa di fronte a disgrazie, Mauritius offre con umiltà il suo corrispondente a "pensare" le ferite dell'anima, cioè la più alta espressione di intelligenza: la poesia.
"Penso a te con tutto il cuore, e io sono vicino a voi quando viene la notte e si scurisce in voi la possibilità di vivere. Questo, il mio desiderio di compleanno. Questo è anche il motivo per cui, al mio posto, e secondo le mie forze sono piccole, combatterò e di lotta: per il vostro diritto di essere liberamente felice, per il diritto dei vostri figli, in un discorso assolutamente gratuito. "
"Aspetta cara Annie, hai ragione, è spesso il silenzio che parla meglio. I morti ci insegnano anche il silenzio. Condividere con loro il privilegio doloroso. Zio Maurice. "

VENDUTO

Réf : 52360

Registrare una notifica automatica


Aiuto on-line