Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne
Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Prima edizione

Maurice BLANCHOT (Honoré de BALZAC) Le travail de Balzac. Manuscrit autographe, tapuscrit complets et un feuillet autographe de notes

Maurice BLANCHOT (Honoré de BALZAC)

Le travail de Balzac. Manuscrit autographe, tapuscrit complets et un feuillet autographe de notes

S.n. (Journal des débats), s.l. (Paris) s.d. (1944), 13,5x21,5cm & 2 pages in-4, 2 1/2 pages in-8.


Manoscritta autografa dell'autore di 2 ½ pagine 4Per pubblicato nel numero del 23 marzo 1944 del Journal of dibattiti.
Manoscritto completo di scrittura molto densa, con molte cancellature, correzioni e integrazioni.
Dattiloscritto completo e foglio autografo documenti di lavoro sono uniti Maurice Blanchot.
In questa colonna letterario pubblicato in occasione della pubblicazione di La vita di Balzac da André Billy, Blanchot abbandona presto biografo per descrivere il lavoro di incessante riscrittura Balzac. Egli analizza l'opera di Balzac attraverso il prisma della lotta tra l'idea e la materia ", l'idea che dare un senso a tutto il suo lavoro (...) è il potere distruttivo del pensiero. (...) La creazione del romanziere (...) è minacciata dal potere che comporta. Il suo scopo principale del suo nemico; è senso infinitamente diffidente che dà. "
Non c'è dubbio che dietro questo rilevante studio dell'opera di Balzac, l'autore di Ultima parola suggerisce il suo approccio estetico.

Tra aprile 1941 e il 1944, Maurice Blanchot pubblicato nella "Cronaca della vita intellettuale" del Journal of Dibattiti 173 articoli su libri nuovi.
In un giornale di mezza pagina (circa sette pagine in-8), il giovane autore di "Thomas oscure" i suoi primi passi nel campo della critica letteraria e inaugura un lavoro teorico che avrebbe progettato Molti di questi saggi, "La Part du feu" a "The Conversation Infinito" e "La Scrittura del disastro."
Fin dai primi articoli, Blanchot dimostrato acutezza analitica ben oltre la letteratura corrente che motiva la scrittura. Oscillante tra classico e moderno, scrittori di prima classe e romanzieri minori, mette nelle sue colonne, le basi del pensiero critico che segneranno la seconda metà del ventesimo.
Trasformato dalla scrittura e dalla guerra, Blanchot rompe, su un pensiero esercitata "in nome degli altri," i violenti maurassiennes certezze della sua giovinezza.
Non senza paradosso, allora si trasforma critica letteraria atto filosofico di resistenza alla barbarie intellettuale nel cuore di un giornale "apertamente marechalist": "Bruciare un libro, scrivere, sono due atti da cui la cultura entrato nella sua oscillazioni opposti "(il libro, in Journal of Dibattiti, 20 gennaio 1943).
Nel 2007, Cahiers NRF insieme sotto la direzione di Christopher Bident tutte le cronache letterarie non ancora pubblicata in volume con la corretta analisi del lavoro critico di Blanchot "romanzi, poesie, saggi danno luogo ad una riflessione singolare, sempre più sicuro della sua retorica, consegnato più l'eco della impossibile o il richiamo della scomparsa. (...) Non senza contraddizioni o farsi da parte, e la certezza di un lavoro febbrile inizia (... ) questi articoli rivelano la genealogia di un critico che ha trasformato durante la necessità cronaca del pensiero ". (C. Bident).
I manoscritti autografi di Maurice Blanchot sono di grande rarità.

1 500 €

Réf : 44931

ordinare

prenotare


Aiuto on-line