Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 30445 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Libro autografato, Prima edizione

Louis, Chevalier de SADE Ensemble complet des archives du Chevalier de Sade

Louis, Chevalier de SADE

Ensemble complet des archives du Chevalier de Sade

1791-1832, divers, autre.


Se consideriamo la Rivoluzione francese come la nascita della sperimentazione dell'ideologia secolare e politica, il Cavaliere di Sade fu senza dubbio uno dei primi e primi decostruttori. Non dalla stessa Rivoluzione, che ha avuto una pletora di manifestanti, ma dall'ideologia in politica, un fenomeno che avrebbe avuto un profondo effetto sui prossimi due secoli.
Ciò che chiama "politica positiva" si basa sul calcolo e sull'esperienza. "La teoria ha avuto incantesimi per me; L'ho studiato attentamente, ho assaporato i suoi principi. Ora apprezzo il loro valore solo per gli effetti derivanti dalla loro applicazione, che li abbiamo visti produrre tra i popoli la cui storia è venuta a mia conoscenza. È il mio metodo; So che è, a tutti gli effetti, l'opposto di quelli che i nostri sovrani e i nostri costituenti hanno seguito fino ad ora senza abbandonarli. Questa continua divergenza tra ciò che è stato fatto e ciò che non avrebbe dovuto essere fatto, aumentando la mia fiducia nel mio modo di procedere allo stesso tempo ha rafforzato la mia determinazione a persistere nella visione che avevo adottato, per giudicare le legislazioni dalle conseguenze storiche che esse comportavano dopo di loro, piuttosto che dai meravigliosi ragionamenti metafisici e supposti conclusivi, che gli innovatori non si fermavano e non smettevano di schiacciarci ogni giorno. "

Il cavaliere di Sade, che vedeva il mondo solo in termini di ciò che era, non poteva essere altro che un realista. La democrazia non ha quasi nessun esempio nella storia conosciuta del Cavaliere, tranne le antiche società greche e romane che avevano sperimentato solo forme di democrazia molto elitarie. Questi modelli sono anche ben noti allo scienziato politico i cui archivi contengono più di 7000 pagine dedicate alla storia antica.
La rivoluzione, più che un'adozione di un modello politico, fu la realizzazione politica di un ideale filosofico.
Tuttavia, se la maggior parte degli oppositori di questo nuovo regime, lo vedeva principalmente come un attacco alla propria situazione personale, alle sue convinzioni religiose o più semplicemente alle sue abitudini, gli scritti del Chevalier de Sade non subiscono alcuna influenza dogmatica o almeno lo fanno non ne sono mai giustificato.
Louis de Sade, un gentiluomo senza fortuna e senza attaccamento, è conservatore per convinzione filosofica e storica e non per interesse. Ed è con perfetta onestà intellettuale che studia e commenta saggi, memorie e opere politiche o teoriche dei suoi contemporanei.

Contrariamente al pensiero dell'Illuminismo, Le chevalier ha una visione molto non filosofica della società. Sebbene costruisca una vera storia teorica dell'evoluzione degli uomini dallo stato "selvaggio" alle costituzioni delle società, non postula una natura ideale dell'uomo, come fanno alcuni dei suoi contemporanei (che giustificare la politica o deplorarla). Al contrario, Il cavaliere nota la cesura tra l'essere della natura e l'essere della cultura, senza dare un giudizio morale o filosofico su di essa come è consuetudine fare. “L'errore politico che ha perso l'Europa nel 18 ° secolo è stato quello di basare il suo ragionamento e i suoi principi legislativi sul diritto della natura e dimenticare che l'ordine sociale degli imperi si basa su proprietà territoriali. "
Questo vincolo, il Cavaliere lo applica a tutti questi ragionamenti. Quindi, fin dall'era dell'industria, la sua, che secondo lui "ha fatto molto bene e molto male, ha procurato molti servizi e sventure".
Questo desiderio di obiettività serve in realtà la tesi conservatrice dell'autore, ma a differenza di molti pensatori ideologici di ogni genere, il cavaliere non sviluppa una tesi dipendente, tutte le cui parole tendono a dimostrare il primo argomento del autore. Louis de Sade, che non ha obiettivi di pubblicazione e quindi nessun lettore da convincere, non articola il suo soggetto secondo lo stampo del suo pensiero, ma intraprende un approccio che aspira all'esaustività. Esplora così tutti i viali, anche se questi rafforzano o meno la sua visione del mondo.
In questo, gli scritti del cavaliere costituiscono un insieme quasi senza equivalenti dell'intera estensione del pensiero di un aristocratico illuminato nel cuore della più importante rottura politica e sociale della nostra storia.
A differenza di suo cugino, il divino Marchese, il cavaliere è chiaramente un uomo dell'Ancien Régime. Ma non è uno dei suoi derivati caricaturali che simboleggiano la sua caduta o la sua immobilità suicida, è il rappresentante di una monarchia ancestrale, un modello politico assunto e messo alla prova nel tempo e nello spazio. Senza ricchezza o potere, il cavaliere non difende, con la Monarchia, i suoi privilegi, espone una struttura sociale e il suo pericolo non dalla Rivoluzione, che è solo una conseguenza, ma dalla devianza delle élite e la loro ignoranza delle basi della regalità. Siamo colpiti dal poco rispetto per la Fede, o dalla divina legittimità del Re.
Il cavaliere era un pensatore oggettivo del suo tempo allo stesso modo degli enciclopedisti, ma al servizio di un mondo destinato a scomparire e non di quello che nascerà.
Come Chateaubriand, di cui è il maggiore 15 anni, il cavaliere ci dà un discorso deliberatamente postumo e quindi distaccato dai vincoli del suo rango sociale e politico. Tuttavia, a differenza dei ricordi del suo illustre cadetto, gli archivi di Louis de Sade non sono quelli di un illustre scrittore e un pari di Francia, segnato da un'azione politica e da un'autorità letteraria che ha necessariamente influenzato l'intenzione la scrittura.
I Mémoires d'Outre-Tombe sono un atto politico e letterario completo e volontario, testimoniano la volontà del loro autore di registrarsi nel mondo in via di realizzazione. Sebbene postuma, la loro pubblicazione è stata attentamente pianificata e organizzata dall'autore.
Gli scritti di Louis de Sade sono di un altro ordine. Il desiderio di completezza del cavaliere lo costrinse ad accettare l'inevitabile incompletezza del suo approccio. A 75 anni, raccogliendo i suoi archivi, ha anche espresso il desiderio che gli altri continuino il suo lavoro. [Quote]
Questa assenza di ego per un lavoro che sembra averlo occupato per tutta la vita, confermata dal numero di altre pubblicazioni durante la sua vita - che quindi non gli presentava una grande difficoltà - fonda il pensiero del Cavaliere e contribuisce al unicità dei suoi scritti in un'epoca in cui la pubblicazione, soggetta a privilegi, controllo e rischio di processi violenti, porta necessariamente il segno di un'autocensura prudente, nonché una certa considerazione per le aspettative del lettore.
Autocensura a cui questo libero pensatore era riluttante. Il suo primo lavoro, scritto alla vigilia della Rivoluzione in fondo alla stiva dell'ammiraglia dove fu arrestato per ribellione contro l'autorità, fu immediatamente censurato e martellato dal governo monarchico. Era intitolato: "Il mio tempo libero sull'ammiraglia o Lettere agli Stati Generali su una nuova costituzione del governo della Francia". Le altre opere che aveva pubblicato in seguito furono tutte impegnate politicamente fino al suo studio scientifico sulle maree, Tydology , che includeva molti confronti con i grandi movimenti politici e sociali della Rivoluzione.
Spirito ribelle, quindi, sebbene saldamente attaccato ai principi monarchici, il cavaliere è sia una figura iconica della Francia aristocratica pre-rivoluzionaria, sia un rappresentante di una delle classi più sconosciute eppure notevoli dell'Ancien Régime, il cadetti dei signori, signori senza feudo, "nobili per nascita, terza proprietà per natura della loro fortuna ", come si definisce.

Questo personaggio si distingue anche per la sua formazione e il suo viaggio non ortodosso per uno scrittore e intellettuale del tempo. Provenienti dal modesto ramo della famiglia Sade, gli Eyguieres, a differenza del Marchese che discende dal nobile ramo dei Saumanes, Louis de Sade fu inviato molto giovane, dopo un soggiorno con i gesuiti, alla dura pensione di Abbé Choquart a in cui frequentava Mirabeau e di cui non conserva un ricordo sgargiante: " se in gioventù invece di essere annegato nella pensione peggiore, anche se molto costoso, avrei avuto buoni insegnanti, avrei fatto qualcosa (..) cresciuto Jean-Jacques Rousseau, con la purezza delle maniere vicino all'abate Choquart *, non sapevo nulla, che combattere, giocare al bar, arrampicarsi sui tetti, rubare mele e alcuni formule algebriche. "Il riferimento al suo contemporaneo Jean-Jacques Rousseau è probabilmente questo monarchico fervente, la più severa critica che riformatorio per il figlio indisciplinato. Dall'età di 15 anni il cavaliere è incorporato nella marina ed è quindi in perfetta autodidatta che il cavaliere acquisisce la maggior parte delle sue notevoli conoscenze. Quindi non conosce né il greco né il latino a differenza di molti suoi contemporanei colti, ma ha una conoscenza molto ampia in tutte le aree delle scienze fisiche e umane. Evidenziato da ciò, non solo i suoi manoscritti, ma anche le sue pubblicazioni quanto le accuse che gli sono state affidate: comandante di ala, installazione su tutti gli edifici civili della marina di Brest della nuova invenzione di Benjamin Franklin, il parafulmine, numerose missioni intercessioni durante i primi tempi rivoluzionari e sollecitazione di articoli in diverse riviste controrivoluzionarie effimere.
Il cavaliere di Sade ebbe una forte attività intellettuale e attivista nell'interazione con importanti attori politici. Sembra che questo autodidatta abbia un vero merito con gli scienziati, come dimostrato ad esempio da questa traduzione e pubblicazione in inglese sul Journal of Natural Philosophy, Chemistry and the Arts del febbraio 1804 , dello studio sui vulcani estinti di Coblentz prodotto dal cavaliere nel 1792 e che il mineralogista e cristallografo Jacques Louis de Bournon comunicò al suo collega inglese il famoso chimico William Nicholson, direttore della rivista scientifica.

Ma è durante la pubblicazione della sua Tydology che il cavaliere rivela l'ampiezza delle sue conoscenze acquisite durante questi anni di marina ed esilio e la particolarità del suo pensiero olistico.
Questo lavoro, pubblicato nel 1810, rappresenta perfettamente il modo di pensare del Cavaliere e fa luce sulla straordinaria varietà di archivi che ci ha lasciato in eredità.

Il cavaliere sembra in effetti comprendere il mondo fisico, sociologico e intellettuale come un insieme coerente in cui ogni elemento o evento può essere compreso secondo un ragionamento scientifico comune. Molto influenzato dal pensiero di Francis Bacon, Le Chevalier cerca di comporre il suo Novum organum scientiarum, di cui Tydology è un primo tentativo. L'ambizione di questa analisi olistica delle scienze non è sfuggita ai suoi contemporanei, come dimostra il rapporto di AL Millin nell'enciclopedia di Annales del 1818:

“Tydology è il nucleo a cui l'autore mette in relazione i vari metodi che fino ad ora sono stati utilizzati per il progresso della conoscenza umana. Esamina lì i vantaggi e gli svantaggi che ciascuno di loro ha avuto nei vari rami della nostra conoscenza in cui sono stati utilizzati. Questo libro è quindi adatto a chiunque sia interessato alla scienza, anche alla politica e al diritto. Botanici, astronomi, anatomisti e geometri troveranno lì un gran numero di problemi e soluzioni di un nuovo tipo, e che è utile per loro conoscere per l'ulteriore progresso della loro scienza preferita. (…) L'autore indica metodi che, nelle mani di un genio, potrebbero consentirgli, nel tempo, di tracciare effetti sulle leggi delle cause che li producono. (...)
Inoltre, osiamo dire che geologi, anatomisti, geometri, cronologi, chimici, grammatici, botanici, filosofi e statisti non leggeranno questo libro senza interesse e forse a volte anche senza umore; perché l'autore segue raramente la strada battuta, ed è raro che chi lo diventa abbia ragione: spetta ai savant giudicare se le idee dell'autore sono innovazioni o deviazioni dannose per il progresso della scienza . "

Ma Tydology, come ammette il cavaliere stesso, è solo uno schizzo di questo sistema che cerca di istituire e di cui non ha ancora padroneggiato tutti i dettagli. Gli anni seguenti saranno quindi dedicati allo studio della storia, delle scienze, della politica, con un obiettivo esaustivo come evidenziato dagli archivi.
Louis de Sade si distingue dalla scienza metodologica di Bacon stabilendo non solo un legame tra le scienze ma anche tra esse e la politica. Convinto che lo stesso principio sia alla base del mondo in tutti i suoi aspetti, cerca attraverso una considerevole erudizione, una logica storica e metafisica. L'ensemble archivistico da lui costituito non rappresenta quindi una distrazione intellettuale da un aristocratico ma un tentativo di penetrare nella ragione comune che comanda la scienza e la storia.
Uno studio approfondito del suo lavoro storico consentirebbe quindi di aggiornare le scelte dello storico per il Cavaliere di Sade, nonché quelle del suo lavoro scientifico.

Ma se la filosofia della scienza che sembra emergere dal suo lavoro incompiuto rimane da studiare, l'intero archivio storico e scientifico scritto dal cavaliere presenta un altro grande interesse per lo studio del pensiero di Louis de Sade e, oltre, per l'analisi dell'apprensione da parte di un aristocratico del 18 ° secolo dello sconvolgimento rivoluzionario.
In effetti, il cavaliere che non si vanta di una conoscenza ideologica ereditaria trasmessa naturalmente dall'educazione aristocratica, è stato costretto a forgiarsi la cultura che si addice al suo rango. Tuttavia, i suoi archivi mostrano non solo le sue letture - che sono le preziose basi del suo pensiero - ma anche la sua comprensione e interpretazione di esse. Quindi sappiamo tanto su quali opere di riferimento basa la sua conoscenza storica quanto, secondo il rapporto che fa, su ciò che conserva e deduce. Le sue scelte di lettura tanto quanto i suoi vicoli ciechi offrono al lettore attuale, un incredibile panorama quasi esaustivo dei misteri intellettuali di questo rappresentante simbolico di una società destinata a scomparire.
Tutta l'intensa riflessione politica del cavaliere è così illuminata dalla perfetta trasparenza delle sue fonti bibliografiche a partire dalle sue esperienze personali descritte a lungo in una lunga autobiografia inedita. Alla fine della sua vita, ripercorre le sue peregrinazioni caratteristiche di un aristocratico impegnato dagli inizi della rivoluzione fino al secondo restauro. Scopriamo la sua carriera militare pre-rivoluzionaria, i suoi primi scritti politici che gli valse una lettera di sigillo e un arresto nella stiva di una nave. Quindi evoca l'instabilità dell'autorità militare derivante dai primi sconvolgimenti rivoluzionari, il suo ingresso nella prima resistenza controrivoluzionaria ufficiale, quindi i suoi tentativi clandestini di invertire la situazione. Infine, lo seguiamo nella sua emigrazione inglese e stiamo assistendo alla lenta consapevolezza dell'inevitabile trasformazione della sua società, senza che il suo spirito combattivo offuschi mai, a differenza di molti aristocratici che, con suo disappunto, abbandonarono molto di più facilmente questo vecchio mondo a cui lui, il cavaliere, non concepisce, fino all'ultima riga, un'alternativa praticabile.

È senza dubbio l'impressionante omogeneità del suo pensiero, dai suoi primi testi pubblicati al considerevole set di manoscritti del suo lessico, che è rimasto in parte inedito, il che consente di considerare questi scritti del cavaliere come una costruzione intellettuale unica e -essere senza pari negli archivi del tempo.
Più che una semplice testimonianza della vita individuale di un aristocratico nel tumulto rivoluzionario, queste 12.000 pagine sono opera di un vero pensatore del regime monarchico e dei concetti filosofici e scientifici che sono intimamente legati a questa apprensione del mondo.
 

>> En savoir plus sur le Chevalier de Sade (Biographie & Bibliographie...)

90 000 €

Réf : 67693

ordinare

prenotare


Aiuto on-line