Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne
Ricerca avanzata
registrazione

Ricevere il nostro catalogo

Argomenti

Echos
Cataloghi
Portfolio
Editoriale
Eventi
e-bibliotheca
Alla libreria
Novita
L'enigma
Articoli
Focus
Nomi e concetti della bibliophilia

Editoriale

Hoc volumina continentur

Hoc volumina continenturHoc volumina continentur

Hoc continente voluminoso ...

Nel cuore del 5 ° distretto di Parigi, culla dell'edizione francese, la Librairie Le Feu Follet e il suo sito Web Edition-Originale.com offrono 28.000 libri dal 1480 ad oggi: una selezione di opere di valore in tutti i campi dell'arte. sapere, che riflettono la loro concezione molto personale della vecchia libreria.

Il Feu Follet è una "libreria di vecchi libri".
Nonostante questo nome specifico che ci distingue dai librai classici, non definiamo la nostra professione dall'antichità delle opere che proponiamo, ma dal loro contributo al "patrimonio culturale". Il termine "libro antico" non significa qui colui che ha attraversato il tempo, ma piuttosto colui che è attraversato dal tempo, questo nome non esclude alcuna opera contemporanea.

In una società che vede la smaterializzazione dell'era della riproducibilità e dell'iper-industrializzazione, l'oggetto del libro si afferma come il simbolo della durabilità del pensiero umano e del "vecchio libro" come materializzazione fisica.
Inoltre, l'opposizione tra le professioni di libraio di libri antichi e librai non è, a nostro avviso, sufficientemente rilevante. Di fatto, il "nuovo" si oppone solo a "opportunità", intesa come alternativa economica.

Il venditore di libri è un prescrittore tanto quanto un giornalista. Il suo lavoro non è solo quello di presentare notizie editoriali, ma di offrire tra le pubblicazioni del momento, una scelta di testi in edizioni più o meno lussuose, secondo i suoi gusti e quelli della sua clientela.
Il libraio di seconda mano funge anche da talent coach: oltre ai grandi classici, offre anche una seconda possibilità agli scrittori che non hanno avuto la fortuna di compiacere i loro contemporanei, e che trovano qui ai margini dalla corsa alla seduzione immediata, una temporalità più favorevole al loro pensiero complesso o anticonformista.
La vecchia libreria, a sua volta, è, a nostro avviso, una logica fondamentalmente diversa. È basato su un postulato ereditato dall'invenzione della stampa: quello della relazione simbolica essenziale tra il lavoro scritto e il suo supporto.

La nostra vocazione non è quella di scoprire un autore, né di divulgare un testo al maggior numero. I libri che stiamo presentando hanno già attraversato il clima di critica e hanno già subito i capricci della moda e delle passioni economiche. Alcuni degli autori proposti entrarono così definitivamente nel Pantheon letterario, mentre altri restarono prerogativa di alcuni studiosi.
Tutti, tuttavia, sono stati letti con passione da uno o l'altro di questi lettori. Ognuna delle copie sopravvissute è stata preziosamente conservata, alcune vestite in un legame di prestigio, altre conservate sobriamente. Sono stati poi tramandati, da dilettanti a collezionisti, dal capezzale alla biblioteca, di generazione in generazione, spesso da bibliofili conditi come giovani amanti del libro.
E se queste copie attraversano i secoli, resistono alla distruzione e prendono in giro le ristampe, è perché intrecciano con il loro autore e il loro lettore un particolare legame che li sottrae alla riproducibilità infinita.
Il nostro lavoro di libraio consiste quindi nel cercare e prendere dalla molteplicità delle opere quei particolari libri che incarnano il pensiero di cui sono il sostegno.

Al momento della tavoletta digitale, l'idea che il lavoro possa essere collegato alla sua materializzazione può sembrare incongruente.
Tuttavia, dall'invenzione della stampa fino all'inizio del XX secolo, era ovvio per tutti i lettori che, al contrario, non potevano concepire l'attuale dicotomia.
Il libro non era quindi un semplice "supporto" di pensiero, era l'unico vettore.
La qualità di questo oggetto dipendeva dall'impatto dell'opera e quindi dalla sua nuova "esistenza". Ma in questi primi anni del Rinascimento, fu tutto il giovane pensiero umanista che avrebbe dovuto inventare una forma.

I costi di produzione di un libro, i rischi finanziari e politici e l'immensa incertezza della società editoriale hanno posto i librai al centro di una delle più grandi avventure intellettuali dell'umanità fin dall'inizio.
In origine, la professione di venditore di libri non include ancora una divisione come oggi e include anche quella di stampante ed editore. I tre mestieri rimarranno intimamente legati fino alla rivoluzione industriale del diciannovesimo secolo che porterà alla specializzazione dei vari attori del libro. (Meno evidente, la spaccatura tra la vecchia libreria e la libreria moderna non finirà fino al ventesimo secolo, compresa l'apparizione del libro economico).

Tra il 1455, data approssimativa della prima impressione in Mayence, di Gutenberg Fust & Schoeffer, di una Bibbia il cui fallimento relativo causerà la separazione degli associati (e la rovina di Gutenberg) e il 1500, fine del periodo di maturazione di questa invenzione Le tipografie saranno distribuite in tutta Europa e più di un milione di libri saranno stampati e venduti nelle bancarelle di questi nuovi possessori di conoscenza.
In meno di 50 anni, giovani apprendisti, tutti i principianti e tutti i concorrenti, inventano e perfezionano il libro, fino a dargli una forma che rimarrà praticamente invariata fino ad oggi.

È soprattutto intorno allo scioglimento dei personaggi che si giocano le prime rivalità intellettuali ed economiche. Tra la lettera gotica alla complessa eleganza che durerà per secoli in Germania, e il carattere romanico, semplice e leggibile, ispirato alle proporzioni del corpo umano, adottato dagli umanisti, ci sono molti tentativi di influenzare il occhio del lettore, tra cui il superbo Aldine, questo personaggio inclinato inventato dal famoso stampatore veneziano Alde e che conosciamo oggi con il suo nome generico: "italic".
Simultaneamente appare il "frontespizio" inventato alla fine del 15 per sostituire il colophon, che tradizionalmente indicava nelle ultime righe del libro, l'autore, l'editore, la data e talvolta anche una sorta di titolo, dal momento che il Non è apparso all'inizio dei lavori che di solito iniziavano con una formula ricorrente come "Hoc volumine continent" ("Questo volume contiene").
Questa intronizzazione sulla prima pagina delle informazioni tecniche del libro rivela l'importanza acquisita da questi nuovi attori politici e culturali.

Il loro potere non sfugge allo Stato che prenderà molto rapidamente le misure per controllare la diffusione delle nuove idee: privilegio, censura, controllo della carta, divieti di esercitare, bandire, autodafè dei libri e dei librai. In risposta, svilupperanno nuove strategie di difesa: dimensioni tascabili, nomi falsi e falsi indirizzi di editori, trasmissioni transfrontaliere ...
Ancora oggi, la "forma" di un libro antico è una delle informazioni più preziose sullo stato dell'opera e sulla sua relazione con la società contemporanea. Carattere di carattere, qualità della carta, formato dell'opera, illustrazioni, stampa ... le politiche editoriali differivano tra un'edizione destinata all'aristocrazia e un opuscolo conteso circolato sotto il manto.

Per leggere un'opera nella sua condizione originale, desiderata o almeno accettata dall'autore, è da ammirare la Madonna del Caravaggio dei pellegrini nella cappella per la quale è stata realizzata. Solo in questo modo scopriamo che la figura immediatamente accessibile dell'opera non è né il volto della vergine né il corpo del bambino Cristo, ma le piante dei piedi sporchi dei pellegrini, prima che i fedeli si sono inginocchiati; Ipotiposi che probabilmente non è la fine del lavoro ma che induce un "senso di lettura". È lo stesso per il vecchio libro la cui forma originale non è più casuale in quanto indirizza il lettore e quindi la sua ricezione dell'opera.
Qualunque sia la trascendenza di un'opera, si esprime sempre attraverso un corpo che ha senso e influenza le percezioni dei lettori tanto quanto riflette la società di questi lettori.

Le edizioni originali della mountebank Jean-Baptiste Poquelin sono piccole in-12 pubblicate a basso costo. Dieci anni dopo la sua sepoltura in una fossa comune, il primo incontro delle opere complete di Molière nel 1682 non è più grande e illustrato con incisioni anonime. Ma nel 1734, appena cinquant'anni dopo, la prestigiosa edizione di Prault stampata nel formato 4 e illustrata da François Boucher è ancora oggi considerata una delle migliori realizzazioni editoriali del XVIII secolo. Queste prime edizioni - se non fossero ristabilite più tardi - si troveranno in legature molto modeste, mentre le ultime saranno, appena pubblicate, riccamente abbigliate con le migliori pelli di vitello o di marocchino.

I legami - realizzati da artigiani secondo i desideri e la fortuna di ciascun acquirente - partecipano a loro volta al dialogo silenzioso tra l'autore e il suo lettore e ogni copia porta la traccia unica.
Al naturale legame tra il libro e il pensiero viene poi aggiunto un secondo elemento fondamentale per il libraio: il futuro dell'oggetto del libro.

Il libro è, per la sua riproducibilità, un oggetto multiplo. Per noi, tuttavia, i libri diventano oggetti unici, copie ciascuno con la propria storia. Copia offerta dall'autore e dedicata a una conclusione, fondata da un artista-rilegatore, da una fonte illustre, salvata da un libro in fiamme ... Naturalmente, le storie di un'edizione e quelle di una copia costituiscono la maggior parte del tempo semplici aneddoti che spesso riguardano solo il loro proprietario: è il "valore sentimentale" che non va al di là dell'intima cornice della relazione privata del lettore con il suo libro.
Tuttavia, quando un vecchio scrittore di aviatori esiliato dal suo paese in guerra fa una fiaba per un bambino a New York e poi, dopo essere tornato a combattere ancora prima della sua pubblicazione, trova in un paese dove tutti i suoi libri sono vietati, una copia riportata America da un cappellano resistente e offre ai bambini di questa delle due sole copie conosciute che potrebbe dedicare prima di essere cacciata via da Marsiglia, l'aneddoto di Antoine e questi due bambini di Algeri , quindi incontra la Storia di Saint-Exupery e il Piccolo Principe, il libro più letto e tradotto dopo la Bibbia. E questa modesta copia della seconda edizione diventa una traccia unica e preziosa della storia letteraria del Novecento.
La somiglianza delle copie rende talvolta difficile il lavoro di indagine che permette di distinguere queste tracce e di ripristinare l'unicità di un pezzo e la sua importanza storica. Ma è senza dubbio, con la ricerca stessa di queste opere originali perse tra la profusione di libri e biblioteche, una delle principali motivazioni del nostro bookstore.

È così con una copia della poesia che testimonia l'umanesimo del rivoluzionario ingiustamente denigrato, Guillotin. Questo lavoro, uno dei pochissimi resti della biblioteca personale di Guillotin con il suo manoscritto ex libris, è opera di un poeta tedesco che è anche uno scienziato e il primo a indagare sulle conseguenze di decapitazione che ha ispirato il deputato per la sua difesa del diritto dei condannati a morire senza sofferenza.

L'autografo discreto di "L'omaggio all'autore" di Alain-Fournier su una delle rarissime copie di lusso del Grand Meaulnes a una donna sposata nasconde, come per lui, l'unica storia d'amore "condivisa" del giovane scrittore rotto dalla guerra pochi mesi dopo.

Altri amori segreti o proibiti vengono pubblicati con autografi enigmatici:

- Doppio amore adultero rivelato da questa dedica a Juliette Drouet dal suo amante Victor Hugo che, sulla prima copia - sempre il primo - di Atti e Parole , sostituisce il suo solito volo lirico con una tristezza sorprendente ... perché ha appena appreso che l'aveva tradita per mesi.

- Amore per i giovani, nascosto sotto la semplicità di una pia devozione di un vecchio francescano a una contessa: quella di Franz Listz e della sua prima amante Adèle de la Prunarède che perseguiterà il rapporto tra il compositore e la sua musa Maria d'Agoult .

- L'amore di Sartre per la giovane Olga che lo preferisce ... Simone de Beauvoir.

- Amici speciali di Cocteau per Radiguet che, giocando sul titolo delle loro opere, gli offre una Carte Blanche in cambio delle sue guance infuocate . O Balzac, una delle cui rare dediche è indirizzata al suo amico Laurent-Jan, così vicino che li prestiamo più dell'amicizia ...

Un dono eminentemente significativo e personale, l'invio - come la dedica autografa è chiamata su un'opera originale - espone la relazione intima tra un autore e il suo dedicatario.

Orgoglio è orgoglioso della sua dedica al suo Swann a Lucien Descaves, un membro di spicco dell'Académie Goncourt, la prova che, nonostante le sue smentite, il modesto Marcel aspirava al Premio nel primo volume della sua ricerca .
L'incrollabile amicizia di Camus per il poeta resistente René Char sulla copia dei Giusti : "a René Char, fratello di loro, di cui ha fatto tutto il percorso, con l'ammirazione e l'affetto del suo amico. "
L'amicizia acerba di Leon Bloy per il giovane ammiratore Georges Rouault, il cui stile odiava: "Niente per la sua arte - non c'è caricatura".
Il risentimento letterario di Céline per il suo primo critico: "Un imbroglione di Gonzaga che mi odia ..."
Emancipazione intellettuale di André Gide, ex discepolo di Maurice Barrès, che dopo aver giudicato severamente il suo maestro si rivolge ad Aminta un deferente ma definitivo "ricordo amichevole".

Il lavoro del libraio non è quello di valutare un'opera, ma di evidenziare la copia che, tra tutti i libri, mantiene con il testo che trasmette un legame tanto storico quanto simbolico.


Un valore svelato quindi piuttosto che un valore aggiunto, il libro, oggetto di riproducibilità infinita, è così restituito alla sua singolarità come opera d'arte. Archeologo del libro, il libraio estrae dalla molteplicità un oggetto che significa e quindi reintroduce nel patrimonio culturale fisico il pensiero intangibile che il libro procede.

 
Lasciare un commentario
Aiuto on-line