Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne
Ricerca avanzata
registrazione

Ricevere il nostro catalogo

Argomenti

Echos
Cataloghi
Portfolio
Editoriale
Eventi
e-bibliotheca
Alla libreria
Novita
L'enigma
Articoli
Focus
Nomi e concetti della bibliophilia

Il periodo d'oro del Collège de France

Il periodo d'oro del Collège de FranceIl periodo d'oro del Collège de France
Il periodo d'oro del Collège de France

 

Nato dalla spirito umanistico del Rinascimento, il Collège de France, fondata nel 1530 da Guillaume Bude, "biblioteca maestro" di Francesco I, è un centro di eccellenza e di trasferimento di conoscenze. Dal XVI secolo, non ha mai cessato di contribuire alla vitalità e influenza del pensiero intellettuale francese. Fornendo corsi gratuiti e aperti a tutti in campo scientifico, letterario e artistico, il Collegio di Francia ha saputo restare fedele nei secoli ai valori del suo motto fondazione:

Docet omnia (Insegna tutto).

Creato in un contesto in cui intelligenze amorevoli nuove scoperte renouaient con i tesori del pensiero antico, offerti dalla invenzione della stampa, il Collège de France è stato fin dall'inizio destinato a muoversi verso la conoscenza universale. I cosiddetti lettori "Royal College", umanisti pagati dal re, è stato responsabile per le discipline che insegnano all'Università di Parigi ignorato. I presidenti greco ed ebraico sono stati quindi creati prima. Nel 1707, le sedie erano tra i venti ei quarant'anni nel 1870, l'anno del Royal College e imperiale è diventato il Collège de France. Allo stato attuale, l'istituzione ha quarantacinque sedie organizzati in cinque dipartimenti: scienze matematiche e computazionali, fisica e chimica, scienze della vita, scienze sociali, storia e letteratura.

Di seguito vi proponiamo una selezione significativa di opere di tracciare la storia di alcuni dei suoi più illustri professori e il loro lavoro, di secolo in Guillaume Bude al bordo del XXI secolo.

Questa linea di grandi menti iniziato sotto il vecchio regime con figure contemporanei come Ambroise Paré, Louis Duret (1527-1586), medico di re Carlo IX e Enrico III, che ha tenuto la cattedra di medicina 1567-1586 . Il suo trattato Hippocratis magnifici praenotiones coacae. Opus admirabile, Intres libros distributum, pubblicato nel 1588, rivive l'antica conoscenza del padre fondatore della medicina.

In termini di letteratura includere poeta e umanista Jean Passerat (1534-1602), che detiene una cattedra di eloquenza dal 1572. Le sue opere Kalendae Januariae, e Varia quaedam Poëmatia, De caecitate oratio, in Praefatiuncula disputationem di ridicolizzati, quae è apud Ciceronem nel libro De oratore in secondo luogo, il primo libro di poesie, pubblicato tra il 1595 e il 1603, illustrano il periodo di massimo splendore della retorica francese durante il regno di Enrico IV.

Il Royal College durante l'Illuminismo splendeva dall'eccitazione del lavoro dei suoi lettori, che ha fortemente contribuito ai fondamenti del pensiero occidentale moderno. Con quasi tutte le lingue d'Europa e l'Asia, l'orientalista Etienne Fourmont (1683-1745), professore di arabo nominato nel 1715, è stato uno dei più grandi linguisti del suo tempo. Le sue riflessioni critiche sulla storia di popoli antichi Caldei, Ebrei, Fenici, Egizi, Greci, ecc Ciro tempo per annunciare l'inizio di gusto e ricerca etnografica in Oriente che segneranno tutto il XIX secolo; come il Viaggio in Armenia e la Persia, realizzati negli anni 1805 e 1806, di P. Amédée Jaubert (1.779-1.847), professore di orientalista persiano eletto nel 1838. Allo stesso modo, il grecista e latinista Jean Terrasson ( 1670-1750), titolare della cattedra di filosofia greca e latina del 1720 hanno preso parte, con Sethi, la storia e la vita, monumenti guidati, storie dell'antico Egitto, la curiosità di "misteri egiziani" che occupano le grandi ore napoleoniche.

Jacques Delille (1738-1813) poeta e traduttore, nominato nel 1778 a presiedere poesia latina, ha sviluppato una poesia della natura che conosceva un ponte tra la sensibilità scientifiche e letterarie del suo tempo. I primi successi della sua traduzione del Georgiche Virgilio portati la sua fama alle sue famose odi giardini o arte abbellire il paesaggio, o tre regni della natura.


Il grande secolo XIX il Collegio di Francia era fra i suoi più illustri professori Georges Cuvier (1769-1832), che hanno abbellito la cattedra di Storia Naturale dal 1800 al 1832. I rapporti di elogi storiche lette nelle sessioni pubbliche dell'Accademia La scienza, come la sua relazione storica sullo stato di avanzamento delle scienze naturali dal 1789, e la loro attuale stato, e il discorso rivoluzioni del globo e le variazioni che hanno prodotto nell'animale Regno, rapporto riflessioni che hanno permesso i progressi senza precedenti nella storia delle scienze naturali. Il medico e biologo Pierre Flourens (1794-1867), considerato uno dei fondatori della neuroscienza sperimentale, riuscirono Cuvier al Collegio di Francia. Nel 1835, ottenne la cattedra intitolata "Storia naturale dei corpi organizzati", che mantenne fino al 1867. Ha reso omaggio al suo predecessore attraverso una analisi ragionata dell'opera di Georges Cuvier preceduto la sua storica lode.


Un altro grande nome del tempo, Jules Michelet (1798-1874) ha animato la storia e il pulpito morale dal 1838 fino al suo licenziamento da parte del regime di Napoleone III. Il padre fondatore della storia della Francia, autore di Timeline di storia moderna e le origini del diritto francese ha chiesto in simboli e formule del diritto universale è uno dei principali riferimenti storiografici discipline storiche.

Nei primi anni del Secondo Impero, Charles Augustin Sainte-Beuve (1804-1869) ha ottenuto temporaneamente la cattedra di poesia latina del Collège de France. La sua lezione inaugurale dedicata a "Virgilio e l'Eneide," data 9 Marzo, 1855, è stato interrotto dagli studenti per denunciare il suo sostegno per Napoleone III. Si è dimesso il 20 marzo. La sua poesia, completo e recensioni La Bruyère e La Rochefoucauld - Mme de Lafayette e di Madame de Longueville, così come ritratti letterari e ritratti contemporanei lo rendono uno dei giocatori più importanti nel panorama letterario del diciannovesimo secolo.

E 'come professore di ebraico come lo scrittore, filologo filosofo e storico Ernest Renan (1823-1892) investe il Collège de France dal 1862. sospeso due anni dopo, nel 1864, a seguito Chi ritenuto sacrilego su Gesù Cristo, tornerà con l'istituzione nel 1883, diventando l'amministratore. I suoi scritti, tra cui, dall'origine della lingua,
storia religiosa Studi, L'Apostoli, San Paolo, Preghiera sull'Acropoli hanno notevolmente contribuito alla storia delle religioni lanciando le basi di una riflessione laica e antropologica . Il 1847-1892 corrispondenza con Marcellin Berthelot, professore di chimica organica nel 1865, ci racconta lo stretto rapporto di queste due figure eminenti del Collège de France.
Generazioni di professori che hanno seguito per tutto il ventesimo secolo è il periodo di massimo splendore della vita intellettuale francese, la cui reputazione e autorità ancora nutrire i movimenti del pensiero contemporaneo.

Henri Bergson (1859-1941) nominato nel 1900, l'istituto ha dato alla sua poltrona filosofia greca un importante personalità. Eretto in difesa contro positivismo imperioso di Auguste Comte, Bergson restituì all'uomo e il pensiero una dimensione metafisica. Nota sulle origini psicologiche della nostra fede nella legge di causalità e di Port-Tarascon - Ultimi avventure del famoso Tartarin, sono tra le opere proposte. Nel 1952, Maurice Merleau-Ponty (1908-1961) gli succede con una prolusione dal titolo "Elogio della filosofia", ispirando ed emozionante la giovane generazione di filosofi. Umanesimo e terrore, testare comunista problema,
Senso e non senso , Le avventure di dialettica, e segni tra le maggiori opere del suo pensiero.

Il grande mente era Paul Valery (1871-1945) anche meritato di unire i banchi della Collège de France, che è stato appositamente creato per lui la cattedra di Poetica nel 1937. Il giovane parco,
la serata con il signor Teste, album di agli anziani. 1890-1920, di Baudelaire situazione, Poesia. Saggi sulla poesia e la poetessa, o morale, sono tutte opere che hanno alimentato l'anima di questo nuovo insegnamento. Yves Bonnefoy, autore di The improbabili e scritto Pierre, eletto nel 1981 al College de France, dove ha insegnato presso la Cattedra di Studi Comparati della funzione poetica fino al 1993, sarà parte di questa eredità.

Roland Barthes (1915-1980) e Michel Foucault (1926-1984), anche occupato le sedie specializzate del nuovo pensiero strutturalista francese. Barthes ha dato la sua lezione inaugurale su letterario semiotica sedia del Collège de France nel 1977, mentre Foucault era tra il 1970 e il 1984 tiene una sedia a cui diede il titolo di "Storia dei sistemi di pensiero." Tutto il suo lavoro, Clinica di nascita e il desiderio di imparare è basato su questo approccio epistemologico.

Claude Lévi-Strauss (1908-2009) era professore emerito e fondatore della cattedra di antropologia sociale nel 1959 onorò nel 1982. Le sue numerose opere, Razza e Storia,
Race e Civiltà, mitologica, Volume III: Origine della tabella Manners, Il gesto Asdiwal, Luogo di antropologia nelle scienze sociali e problemi di insegnamento o di miele di ceneri, ha partecipato alla considerazione degli eccessi di etnocentrismo occidentale e di apertura alla pluralità delle culture. Accanto André Leroi-Gourhan (1911- 1986), maestro della Preistoria dell'arte occidentale, professore eletto 1969-1982, è stato una delle figure emblematiche dello sviluppo delle nuove scienze umane e sociali del XX secolo.

Questi pochi nomi famosi - e molti altri tra cui André Marie Ampère, Désiré Nisard, Edgar Quinet, Fernand Braudel, Georges Dumézil ... - hanno contribuito al prestigio di questa istituzione unica al mondo.

Vi offriamo una selezione di opere in prime edizioni autografate e le grandi menti che hanno contribuito alla storia brillante del Collège de France:

Teachers College de France
Lasciare un commentario
Aiuto on-line