Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 30443 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Ricevere il nostro catalogo

Argomenti

Echos
Cataloghi
Portfolio
Editoriale
Eventi
e-bibliotheca
Alla libreria
Novita
L'enigma
Articoli
Focus
Nomi e concetti della bibliophilia

Eventi

"Un amore di Swann"
il Museo Jacquemart-André

Un amour de Swann - ProustUn amour de Swann - Proust
Concerto di Marcel Proust - Domenica 8 febbraio 2015 alle 19:00

"Un amore di Swann"
Marcel Proust - Reynaldo Hahn

Se si cerca una definizione della parola capolavoro, questo libro è un esempio indiscutibile. Una lingua cesellato al servizio della passione labirinto di un amore tormentato e ammirevole. Tutti i pungoli giochi di seduzione per trovare le loro vittime disposte ...

Ricordi dove la bellezza gareggia con la raffinatezza della sofferenza cuori crudo. Prosa di Marcel Proust è qui accoppiata con una meravigliosa melodie di Reynaldo Hahn, uno dei suoi compagni, che musicò la poesia di T. de Banville, F. Coppe, P. Verlaine, Hugo V., T. Viau ...

Sempre affascinato dalla bellezza del linguaggio di Marcel Proust, Dame Felicity Lott, le dive più francofili britan- pic-nic, e Jacqueline Bourges, il suo complice musicale, ha scelto le più belle melodie per illustrare questo genio. Alain Square, l'attore-regista, socio di grandi musicisti, condotta interamente la stesura di questo spettacolo da testi Marcel Proust in armonia con le melodie.

Un viaggio letterario e musicale volare alto ... un appuntamento presso un salone come quelli favorita dall'autore di condividere queste pagine e fogli immortali!

"Trovo molto ragionevole la credenza celtica che le anime di coloro che abbiamo perso sono tenuti prigionieri in un essere inferiore, in un animale, una pianta, una cosa inanimata, infatti perso a noi fino al giorno, molti dei quali viene mai, siamo nel passaggio vicino all'albero, prendiamo possesso dell'oggetto che è la loro prigione. Poi tremano, ci chiamano, e non appena li abbiamo conosciuti, l'incantesimo è rotto. Rilasciato da noi, che ha vinto la morte e tornare a vivere con noi. Questo è il nostro passato. È uno spreco che cerchiamo di evocare, tutti gli sforzi della nostra intelligenza sono inutili. È nascosto su suo dominio e portata in qualche oggetto materiale (nel senso che diamo questo oggetto materiale) che non sospetto. Questo oggetto, dipende dalla possibilità che lo incontriamo prima di morire, o che non incontrati. "
(Marcel Proust - Du côté de chez Swann)

Informazioni disponibili qui sul sito del museo
Lasciare un commentario
Aiuto on-line