Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 29748 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Ricevere il nostro catalogo

Argomenti

Echos
Cataloghi
Portfolio
Editoriale
Eventi
e-bibliotheca
Alla libreria
Novita
L'enigma
Articoli
Focus
Nomi e concetti della bibliophilia

Focus

A

AA
Una rivista di moda che va di moda:
La Gazette du Bon Ton

Gazette alla moda, una delle più belle e più influenti riviste di moda secolo XX, che celebra il talento di creatori e artisti francesi fiorente Art Deco.

famosa rivista di moda fondata nel 1912 da Lucien Vogel, la Gazette du Bon Ton è apparso fino al 1925, con un'interruzione durante la guerra, 1915-1920, a causa della mobilitazione del suo Direttore. Lei è di 69 consegne a partire da soli 2000 copie ed è illustrato tra cui 573 tavole a colori e 148 schizzi raffiguranti modelli di stilisti. All'atto della pubblicazione, queste pubblicazioni di lusso "sono per bibliofili e gli esteti del mondo" (Françoise Tétart-Vittu "buona Ufficiale della tono" nel dizionario della moda, 2016). Stampato su carta vergata bene, usano un carattere creato appositamente per la rivista di Georges Peignot, il personaggio Cochin, presa nel 1946 da Christian Dior. Le stampe sono realizzate con la tecnica di stencil metallo, colori ottimizzati e alcuni delineati in oro o palladio.


George BARBIER (Charles Frederick WORTH) La Roseraie. Robe du soir, de Worth (pl.21, La Gazette du Bon ton, 1922 n°3)


L'avventura è iniziata nel 1912, quando Lucien Vogel, uomo di mondo e della moda - ha già partecipato a magazine Femina - decise di fondare con la moglie Cosette de Brunhoff (sorella di John, il padre di Babar) Gazette du Bon la tua cui sottotitolo è poi "L'arte, mode e frivolezze." Georges Charensol cita l'editor: "Nel 1910 non vi era alcuna rivista di moda veramente artistica e rappresentante dello spirito del suo tempo. Così ho pensato di fare una rivista patinata con gli artisti dei più moderni [...] ero certo di successo perché nessun paese per la moda può competere con la Francia. "(" Un editor di grande arte. Lucien Vogel "in Letterario News, N. 133, Maggio 1925). Il successo della rivista è immediato, non solo in Francia, ma anche gli Stati Uniti e Sud America.

In origine, Vogel mette quindi insieme un gruppo di sette artisti: André-Edouard Marty e Pierre Brissaud, seguito da Georges Lepape e Dammicourt; e, infine, i suoi amici della Scuola di Belle Arti come sono George Barbier, Bernard Boutet de Monvel o Charles Martin. Altri talenti vengono rapidamente raggiungere il equipaggiato Guy Arnoux, Léon Bakst, Benito, Boutet de Monvel, Umberto Brunelleschi, Chas Laborde, Jean-Gabriel Domergue, Raoul Dufy, Edward Alexander Halouze Iacovleff, Jean Emile Laboureur Charles Loupot, Charles Martin, Maggie Salcedo. Questi artisti, per lo più sconosciuti quando Lucien Vogel appello a loro, finirà per diventare figure iconiche e artistico ricercato. Questi sono gli stessi illustratori che fanno disegni annunci delle Gazette.

Gazette du Bon Ton - Paravent Rouge - Worth Barbier

Le schede evidenziano gli abiti e le sublimi sette artisti del tempo: Lanvin, Doeuillet, Paquin, Poiret, Worth, Vionnet e Doucet. I progettisti prevedono per ogni numero di modelli esclusivi. Tuttavia, alcune delle illustrazioni contenute alcun modello reale, ma solo l'idea che l'illustratore è fatto in la moda del giorno.

La Gazette du Bon Ton è una pietra miliare nella storia della moda. Combinando l'esigenza estetica e l'unità di plastica, si riunisce per la prima volta i grandi talenti del mondo delle arti, della letteratura e della moda e imposto da questa alchimia, una nuova immagine della donna, esile, indipendente e audace, spinto anche dalla nuova generazione di designer Coco Chanel, Jean Patou, Rochas Marcel ...

Recupero nel 1920 da Condé Montrose Nast, la Gazette du Bon Ton modellato per la nuova composizione e le scelte estetiche del "piccolo giornale che muore" che Nast aveva comprato qualche anno fa: la rivista Vogue.


Louis STRIMPL La Côte d'Azur Gazette du Bon Ton


>> Le nostre coordinate Port Folio "Gazette du Bon Ton"

>> Vedere i nostri articoli su artisti Gazette
Lasciare un commentario
Aiuto on-line