Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 30683 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Prima edizione

Pessime quid bipedum tentas, quid pectore volvis? Vach scelus horrendum Dominum sic prodis Iesum! Vix ausit Pluto quod tu moliris Iuda, Terribili dignus qui tandem morte perires. (Matthei.26.14.). Gravure originale du XVIIe siècle

Johannes STRADANUS (inventor) & Claes Jansz VISSCHER (attribué à)

Pessime quid bipedum tentas, quid pectore volvis? Vach scelus horrendum Dominum sic prodis Iesum! Vix ausit Pluto quod tu moliris Iuda, Terribili dignus qui tandem morte perires. (Matthei.26.14.). Gravure originale du XVIIe siècle

s.n., s.l. (Hollande) (Circa 1600), 33x27,5cm (cuvette: 25,5x20cm), une feuille.


Incisione originale fatta scalpello da Claes Jansz Visscher, dice Piscator dopo un dipinto del XVI secolo, Johannes Stradano. Evento su carta vergata filigranata, lavorando dal primo Seicento. Questo è un esempio dei Vangeli secondo Matteo, 26.14. (Episodio del tradimento di Giuda) Legenda in latino in fondo l'incisione: "pessime bipedum tentas quid, quid pectore Volvis Vach scelus horrendum Dominum Iesum sic Prodis Vix AUSIT Plutone quod si moliris Iuda, Terribili dignus che tandem morto? perires ". Firme di artisti nel consiglio. Carattere di riferimento "a" nell'angolo in basso a destra l'incisione, e scritto a mano riferimento "117" nel margine in alto a destra. Un vecchio annotazioni scritte a mano in caratteri greci nell'angolo a destra della ciotola. Filigrana visibile con la trasparenza. Foxing rara e minuscola e piccole macchie marginali, due piccoli strappi marginale tracce discrete della curva angolare senza danni per l'incisione, altrimenti molto buono stato di conservazione di questa rarissima incisione e freschezza. Johannes Stradano ha detto Giovanni Stradano o Jan van der Straet è un pittore fiammingo e incisore, nato a Bruges nel 1523 e morto a Firenze 11 febbraio 1605. Dopo aver iniziato a imparare la pittura dal padre, e dopo la morte di scorso, ha continuato la sua formazione nello studio di Frank Maximiliaan (1535-1537), poi ad Anversa Pieter Aertsen (1537-1540). Nel 1545, è un maestro di punizione nella corporazione dei pittori di Anversa '. Comincia un viaggio attraverso l'Europa: in Francia, poi in Italia, dove ha vissuto prima a Venezia, prima di stabilirsi a Firenze. Ha lavorato per Cosimo I de 'Medici e collabora con Giorgio Vasari per la decorazione dello Studiolo di Francesco I de' Medici, e la sala di Clemente VII di Palazzo Vecchio. Nel 1565, ha fatto parte di squadre di pittori e scultori responsabili, sotto la direzione di Giorgio Vasari, per realizzare il gigantesco palcoscenico per la voce di Firenze Giovanna d'Austria [1], in occasione del suo matrimonio Francesco I de 'Medici. Fortemente influenzato dal manierista, tra cui Michelangelo, Johannes Stradano contribuisce allo sviluppo della grande pittura di storia italiana. Dipinse numerose pale d'altare per le chiese fiorentine. Egli ha anche viaggiato a Roma 1550-1553 ed a Napoli 1576.Après soggiorno ad Anversa nel 1578, ha dedicato molto del suo tempo per l'incisione.

150 €

Réf : 29904

ordinare

prenotare


  Aiuto on-line