Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne
Ricerca avanzata
registrazione

Condizioni di vendita


Possibilite di Pagamento :

Pagamento sicuro (SSL)
Controlli
Virement bancaire
Mandato amministrativo
(FRANCIA)
(Musei e bibliotheche)


Tempi e spese di spedizione

Condizioni di vendita

Libro autografato, Prima edizione

Guy de MAUPASSANT Lettre autographe signée à la Comtesse Potocka : " Voulez vous que je vous garde le manuscrit de la très longue nouvelle que je termine en ce moment. C'est presque un roman."

Guy de MAUPASSANT

Lettre autographe signée à la Comtesse Potocka : " Voulez vous que je vous garde le manuscrit de la très longue nouvelle que je termine en ce moment. C'est presque un roman."

Cannes 17 février 1884, 11,5x17,7cm, 6 pages sur deux feuillets doubles.


Lettera autografa firmata da Guy de Maupassant alla Contessa Potocka, 124 righe in inchiostro nero su due fogli doppi, busta allegata. Un timbro postale sulla busta indica la data del 17 febbraio 1884.
Una lettera importante da Guy de Maupassant alla Contessa Potocka, un ricco aristocratico sociale e intellettuale, per il quale lo scrittore ha nutrito fino alla morte una passione violenta e insoddisfatta. Maupassant desidera offrirgli un manoscritto di uno dei suoi romanzi e affida in ammirevoli righe la sua ammirazione indefettibile per lei.
Mentre si immerge nella scrittura del suo capolavoro Bel-Ami , Maupassant firma qui una lettera favolosa indirizzata alla sua musa, la cui grande bellezza e personalità volubile appaiono in filigrana delle sue notizie e del suo grande Capolavori romanici ( Mont-Oriol , Our Heart, Humble drama ).
Pubblicato in Histoires littéraires , No. 40, ottobre-novembre-dicembre 2009, p. []?
Maupassant scrisse a Emmanuela Pignatelli di Cergharia, moglie del conte Nicola Potocki, che occupò Avenue Friedland a Parigi, un sontuoso albergo dove raccolse una vera corte di sospiri "morì d'amore per lei", soprannominato "Maccabei" alludendo ai sette fratelli martiri della Bibbia. Incontrato alcuni anni prima, esercitò una grande influenza su Maupassant, l'anno di questa missiva - 1884 - che segna il picco della loro relazione. Le loro relazioni mondane ed epistolari continuarono fino a quando lo scrittore fu internato alla clinica della dottoressa Blanche nel gennaio 1892.
La lettera viene inviata da Cannes, dove Maupassant soggiorna dal dicembre 1884. Proposto in prima linea nella scena letteraria francese grazie al suo romanzo Une Vie (1883), collega gli articoli, i rapporti e le notizie pubblicati a Le Gaulois, Le Figaro, e Gil Blas . Rapidamente stanco della sua vita parigina e in condizioni di salute fisica e mentale, fuggì verso Etretat e il Midi, in particolare ad Antibes e Cannes, e moltiplicò le cure e viaggi lontani in Algeria. Questo soggiorno nella città vecchia di Cannes, rue du Redan, ha sicuramente ispirato il viaggio di Cannes di Georges Duroy, l'eroe del suo famoso romanzo Bel-Ami pubblicato nel 1885 a Gil Blas, e l'agonia del personaggio di Charles Forestier , è venuto per curare la sua tisi nella stessa città.
Maupassant, un dandy esiliato a Cannes, afferma in questa lettera di condurre una vita di astinenza monastica: " Sì, signora, vestito giovane, carestia, carestia. E, mia fede, tranquillità, grazie a Saint-Benoît. Qui sono citate due o tre donne anziane che uniscono l'età alla ricchezza e che potrebbero essere adatte ai miei progetti. Finora mi sono rifiutato di vederli. Io vivo onestamente in continenza! ". Eppure, lungi dal fuggire dal mondo, ha intrapreso una vasta conoscenza a bordo della Louisette, la sua piccola barca da pesca comprata nel 1883, e sembra divertirsi con questa frivola compagnia che racconta in dettaglio alla Contessa Potocka: " Io cammino nella mia barca la principessa di Sagan che trovo molto gentile, la signora de Gallifet, spirituale, ma più banale gentile, una signora di Montgomery, brutta ma originale, e il duca di Chartres che fotografa i paesaggi e noi stessi [ ...] Sto parlando di tutte queste persone perché penso che tu le conosca più o meno. Nel frattempo sto facendo battute. Ho due o tre vittime eccellenti, e monto un presunto affare finanziario, che, spero, guiderà due o tre sciocchi dai miei amici. Questa è la mia vita . Maupassant progetta anche di continuare il suo viaggio in Italia, che si esibirà l'anno prossimo accanto al pittore Henri Gerveix - un altro pretendente della Contessa e abituato al suo salotto in Avenue Friedland. In tutta la lettera, lo scrittore tenterà con molti stratagemmi di essere desiderabile e sollecitato da altre donne " Ho ricevuto diverse lettere da incognite, datate Parigi. Ho fatto un file che ti mostrerò. La loro letteratura è molto mediocre e poco fatta per sollevare la testa o il desiderio . Questo atteggiamento, senza dubbio finto, si aggiunge a molti altri impulsi disperati per raggiungere questa donna prepotente nel cuore della pietra, che aveva già un esercito di adoratori, tra cui il pittore Jacques-Emile Blanche, lo scrittore
Eppure, al di là dei loro scambi mondani, questa lettera si distingue dal resto della corrispondenza tra la Contessa e lo scrittore da un raro e importante segreto letterario: " Vuoi che ti tenga il manoscritto della lunghissima notizia che io Finisci adesso. È quasi un romanzo. Andrà a Le Figaro a meno che non sia scioccato da alcuni passaggi; in tal caso, gli riserverò il seguente che sarà più breve, più casto e più poetico; ma anche meno gay, almeno io lo credo "(COSA?). Questo passaggio ci immerge nel cuore del processo di scrittura di Maupassant, segnando anche la fiducia riposta nella sua musa, che ha contribuito al successo di Une Vie (1883) e le cui caratteristiche si ritrovano nella Baronessa de Frémines de Il nostro cuore e l'eroina di Mont-Oriol (1887). L'insignificante onore di Maupassant, offrendogli il manoscritto [DE QUOI ????], è parte di un tentativo di seduzione rimasto invano, costantemente rinnovato fino alla poesia "su un fan" (1889), dedicata al Contessa pochi anni prima della morte dello scrittore. CENSURA? In effetti, gli sono stati spesso negati i passaggi dalle sue notizie sui giornali.
La lettera contiene anche bellissime linee di un'apertura schiacciante, evocando una famosa escursione in Alvernia con la Contessa l'estate precedente, mentre Maupassant si stava curando all'Hotel des Princes Chatel-Guyon. Questo cammino di campagna ha indubbiamente rafforzato i legami confusi che li univano e innescato una passione passionale nello scrittore: " Ma dimmi perché alcuni ricordi ti tornano costantemente, ovunque. Penso e penso al nostro viaggio intorno a Pavin Lake. In ogni momento, a casa, fuori, [], in campagna, vedo la grande coppa piena di acqua blu e piena di alberi, vedo la tacca del burrone da cui arriviamo a questo cratere morto, e io vedi, camminando di fronte a me e strappando le erbe con un gesto improvviso. Di tanto in tanto ti giravi per guardare i boschi e cercavo di capire cosa c'era nei tuoi occhi, dietro i tuoi occhi, questo segreto di un pensiero sconosciuto . Lo scrittore scriverà su carta l'enigmatico personaggio della contessa attraverso due personaggi del magnifico romanzo intitolato Humble drama , anch'esso situato nel lago Pavin, firmò il suo pseudonimo Maufrigneuse (2 ottobre 1883). Ricordando un passato intimo e felice, questa visita è piena di rimpianti - Maupassant esprime in parole strangolate la passione muta e repressa che ha provato durante il loro incontro in Auvergne: " Se parliamo, ho amato a lungo con intimità, quello che spero, ti dirò molte delle idee che ho avuto quel giorno, idee su di te, la tua mente, la tua natura. Potrei aver sbagliato, ma io non la penso così. Questa è l'ora in cui ti ho visto più chiaramente, mi sembra? Queste idee mi hanno fatto venir voglia di conoscerti di più. E poi ... e poi ho capito che era sempre necessario suonare le parole interrotte e conversare con rebus, non per colpa tua, ma per colpa del destino; ed è così che non ti ho detto tante cose che ho in serbo per te. "
Missiva eccezionale di un amore transessuale di Maupassant, che offre uno sguardo unico sulla vita letteraria, mondana e intima dello scrittore durante il suo esilio dalla sua vita parigina nel sud della Francia.

6 000 €

Réf : 66408

ordinare

prenotare


Aiuto on-line