Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 30566 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Ricevere il nostro catalogo

Argomenti

Echos
Cataloghi
Portfolio
Editoriale
Eventi
e-bibliotheca
Alla libreria
Novita
L'enigma
Articoli
Focus
Nomi e concetti della bibliophilia

Focus

Focus sulla prima edizione
La specie umana.

Robert Antelme - L'Espèce humaineRobert Antelme - L'Espèce humaine
"La varietà delle relazioni tra le persone, il loro colore, i loro costumi, corsi di formazione nascondere una verità che qui appare luminoso sul bordo della natura, con l'approccio dei nostri limiti: ci sono specie umana , c'è una razza umana. Questo perché siamo uomini come loro che le SS in ultima analisi, impotenti davanti a noi. "

Questa testimonianza di Robert Antelme, resistenza deportato a Buchenwald a Dachau e poi rilasciato grazie all'intervento di François Mitterrand, non ha avuto un impatto immediato che ha oggi.

Questo lavoro fondamentale sulla Camps esperienza non è stata infatti scoperta nel 1957 alla sua ristampa da Gallimard. Ha poi avuto un impatto più significativo in particolare esercitò una notevole influenza sul pensiero dell'uomo seguente campi. Così, per Maurice Blanchot che ha scritto un articolo sul New Review francese, dal titolo "indistruttibile" (ristampato in manutenzione infinito), il lavoro di Antelme più di una testimonianza ci mostra l'umanità ridotta a irriducibile "In disgrazia, ci avviciniamo a questo limite, dove, privato del potere di dire" io ", anche privato del mondo, non saremmo quest'altro che non siamo. ". Mette in evidenza "l'egoismo, senza ego" di "questi uomini disperati per sopravvivere, attaccati alla vita, ma come impersonale, trovando rifugio nel senso di appartenenza alla specie, la sensazione che nulla può Annulla ".

Scritto poco dopo l'uscita di Robert Antelme, La specie umana sperimentato una prima edizione nel 1947 discreto.
Infatti, è la terza e ultima pubblicazione della casa editrice effimero, la città umana, fondata nel 1946 da Antelme e sua moglie Marguerite Donnadieu-Antelme, futuro Marguerite Duras.

Dopo questa pubblicazione riservata, l'editore ha fatto bancarotta e Robert Marin ha recuperato l'invenduto di rimettere in nuove coperture. La specie umana poi è diventato il primo titolo della collezione City Universale Robert Marin.
Tuttavia questo secondo numero più eco della prima era perché nel 1947 l'opera di Antelme soffre la concorrenza di numerosi scritti sul tema pubblicato subito dopo la guerra. Tuttavia, come riferito da F. Lebelley "in un momento in cui le storie abbondano, il potere speciale di quel libro, una prima sobrietà sconvolge come fondante libro di testo scrittore che ha anche preso riconosce Duras. "l'ampia letteratura." Robert Antelme mai scrivere altro. Nonostante i riconoscimenti e onori, La specie umana rimane il lavoro di una sola vita. " (In Duras, o il peso di una piuma.)

Grazie all'intervento di Albert Camus, il libro riappare dieci anni dopo nel 1957 da Gallimard e poi sperimentare una più ampia diffusione.

Pertanto, questo libro è parte della storia della letteratura come uno degli scritti più importanti che si presentano al di riflessione dolorosa ma necessaria sui campi di concentramento e la condizione umana. E 'dopo di lui che scrittori come il suo amico Jorge Semprun può iniziare un nuovo approccio ai campi di scrittura impossibile.

Nella sua premessa, Antelme già annunciato nel 1947, quello che sarebbe diventato un problema importante in questa letteratura:
"Siamo appena tornati, abbiamo ridotto i nostri ricordi con noi tutta la nostra esperienza di vita e ci siamo sentiti un frenetico desiderio di raccontare come è. E fin dai primi giorni, però, sembrava impossibile colmare la distanza che abbiamo scoperto tra il linguaggio che abbiamo avuto e questa esperienza [...] Come rassegnarci a non tentare di spiegare come eravamo venuti lì? Eppure eravamo lì. Eppure era impossibile. Appena iniziato a dirci che eravamo soffocante. Per noi, ciò che avevamo da dire, quando abbiamo cominciato a sembrare inimmaginabile. »


Relazione:

Scrivere e filosofare dopo Auschwitz: giocatore Blanchot Antelme
Edizioni incomplete Bibliografia Universal City
Articolo Robert Antelme In Larousse.fr
Una copia dell'edizione originale
Lasciare un commentario
  Aiuto on-line