Librairie Le Feu Follet - Paris - +33 (0)1 56 08 08 85  - Contattateci - 31 Rue Henri Barbusse, 75005 Paris

Libri antichi - Bibliofilia - Opere d'arte


Vendita - Stima - Acquisto
Les Partenaires du feu follet Ilab : International League of Antiquarian Booksellers SLAM : Syndicat national de la Librairie Ancienne et Moderne






   Prima edizione
   Libro autografato
   Idée cadeaux
+ più criteri

Cerca tra 30672 libri rari :
prime edizioni, libri antichi dall'incunabolo al XVIII secolo, libri moderni

Ricerca avanzata
registrazione

Ricevere il nostro catalogo

Argomenti

Echos
Cataloghi
Portfolio
Editoriale
Eventi
e-bibliotheca
Alla libreria
Novita
L'enigma
Articoli
Focus
Nomi e concetti della bibliophilia

Focus

Un record storico di un Schiavitù

Un record storico di un SchiavitùUn record storico di un Schiavitù

I reclami e le osservazioni dei coloni, l'idea di l'abolizione della schiavitù e l'emancipazione dei negri
David Duval Sanadon

o le reliquie della difesa di una posizione anacronistica


David Duval Sanadon (1748-1816) è nato in Guadalupa, colon e fioriera di Santo Domingo, è stato il difensore della schiavitù e monarchico fervente. Ha scritto diverse opere sul tema: accurata sulla schiavitù Negro (1789), Discorso sulla schiavitù dei negri e l'idea della loro libertà nelle colonie (1786) Accurate sulla schiavitù negro ( 1789).

Lascia qui un rarissimi tesi commerciali pro-schiavi reliquia, il cuore di un contesto storico segnato da una delle più nobili battaglie della rivoluzione francese: la lotta per l'abolizione della schiavitù.




apre Questo breve opuscolo, proprio nel contesto della rivoluzione francese, la chiara osservazione della significativa mobilitazione dell'opinione pubblica a favore della abolizione della schiavitù: "Sì, certo, è il momento di portare l'opinione pubblica sbagliata, infiammata su molte questioni che mantengono la pace e assicurata la marcia del governo. di questo numero è quello della schiavitù dei negri, che ha dato vita a tanti scritta e prodotta una fermentazione le colonie francesi minaccia un futuro incendio, e una rivoluzione fatale nella metropoli stessa ". Sanadon contrappone immediatamente coloni e francese metropolitano che "guidato da uno zelo [...] non hanno paura di mettere in pericolo le proprietà, l'esistenza dei loro concittadini, i loro fratelli, ed esporre le colonie il disastro più orribile, "tabulazione più pessimista:" tutti i legami di subordinazione sono rotti, tutti i lavori vengono abbandonati, le scene più crudeli stanno preparando, il segnale terribile è dato in nome della libertà, mentre esclama, tutto arma [...] questi dipinti sono essi esagerate? hanno pensato a Y, appassionati difensori della causa dei neri? ignorano, o possono nascondere la realtà degli effetti disastrosi ? ". L'autore qui un chiaro riferimento alle molte società anti-schiavitù si sono formati alla fine del 1780, non solo in Francia, ma anche negli Stati Uniti e in Inghilterra. Il loro importante opera di denuncia ha contribuito allo sviluppo di molteplici petizioni per chiedere l'abolizione della schiavitù nelle colonie. In Francia, nel 1789, ci sono non meno di cinquanta di lamentele sul tema.



argomenti Umanisti e universalistiche di abolizionisti, Sanadon oppone l'argomento economica tradizionale e cerca di dimostrare che il commercio metropolitana è colonie dipendenti e abolire la schiavitù sarebbe un ' "idea improbabile" e gravi conseguenze. Inoltre, l'agricoltore ritiene che sia dovere della Francia di mantenere le colonie, proteggere e sviluppare perché sono garantiti una posizione strategica nel mercato europeo e, in particolare, di fronte alla concorrenza inglese, su cui si dovrebbe approfittare.

Queste tesi non saranno ignorati da Mirabeau ancora convinto abolizionista e membro fondatore nel 1788 della Società nera di Amici, che militano per una graduale abolizione della schiavitù. E 'proprio la "situazione" esplosiva "a Santo Domingo, il modello pensando Sanadon ed emblema del commercio degli schiavi, che incoraggia Mirabeau a proporre la creazione di una transizione verso una dipendenti molto più redditizio e produttivo di schiavi (Serge Bianchi, "fluttuante schiavisti birra, non un discorso sulla abolizione del commercio di schiavi" Annali storico della Rivoluzione francese, 2001).



Nonostante la sua virulenza, ad esempio un testo Sanadon non è quindi una difesa cieca di privilegi coloniale. Sostenuto e sulla base dell'esperienza pratica, queste calunnie sono una vera e propria sfida per gli ideali umanistici dei rivoluzionari, che si dimostrerà la fattibilità di una società etica ed egualitaria.
Consapevole della inevitabile trasformazione della società e il valore degli argomenti umanistici, Sanadon mescola la sua diatriba un appello a nome di tutti i coloni indirizzata agli Stati Generali in cui sostiene una territori colonizzati di cambiamento di regime significava per impedire la loro totale scomparsa. sostiene anche lì per respingere gli indirizzi del progetto abolizione a favore della creazione di "una politica per l'acquisto e il trasporto di negri che soddisfa sia il desiderio di umanità e la stessa commercio della Francia e dei coloni. "
Tuttavia, è vero il pensiero monarchica del vecchio regime per l'ordine naturale di organizzazione sociale che Sanadon conclude il suo libro affermando uno stato naturale di schiavitù: "Le colonie possono essere coltivati ??solo da negri schiavi. [...] Per i negri schiavi, perché in origine questo era il loro destino in Africa; perché tale era il loro destino fino ad oggi nelle colonie; perché sarebbe impossibile contenerli se dovessero essere liberati ... ".

Sorprendente iconico difesa paura reazionaria dei privilegiati contro l'avvento dell'Era dei diritti dell'uomo.
Lasciare un commentario
Aiuto on-line